Avanza la crisi dei consumi alimentari

|
La crisi economica che da diversi anni sta sferzando molti paesi industrializzati, come sappiamo bene, ha colpito duramente anche l’Italia, la cui situazione economica, al momento, è data come leggermente in ripresa, anche se spesso i dati tendono a mostrare il contrario.Uno degli indicatori più significativi delle condizioni di salute economica della popolazione è la spesa alimentare, la seconda per entità dopo quella per l’abitazione. Secondo una recente analisi pubblicata dalla Coldiretti ed elaborata sui dati Istat, e nonostante i timidi segnali di ripresa, i primi mesi del 2014 per quanto riguarda i consumi alimentari sono stati peggiori di quelli dello stesso periodo del 2013.Secondo l’Associazione, in questi primi mesi dell’anno si ‘è toccato il fondo’, con la spesa alimentare che è tornata ai livelli di più di 30 anni fa. A nulla, ancora, sono serviti gli 80 euro del bonus Irpef i cui effetti, molto probabilmente, si faranno vedere nei prossimi mesi.Nello specifico, la Coldiretti parla di un taglio medio del 2% della spesa alimentare nei primi due mesi del 2014 che ha interessato tutti i generi alimentari, ed in particolare quelli della dieta mediterranea, con un crollo del 5% degli acquisti di pasta, del 4% dell’olio extravergine di oliva, del 7% del pesce e del 4% della verdura fresca.Ed è proprio questa ultima tipologia di alimenti che ha subito anche la maggior diminuzione dei prezzi. I vegetali freschi hanno fatto segnare un vero e proprio crollo dei prezzi al consumi, che si sono ridotti di ben il 12,1%. Per quanto riguarda la frutta fresca la flessione dei prezzi si è attestata al 7,5%.Di contro, la Coldiretti ha evidenziato un leggero aumento dei prezzi della carne bovina (+0.8%) e della carne di maiale (+0.7%).Dati, questi, che danno la misura di una situazione di crisi economica ben lungi dall’essere risolta, anche se la Coldiretti parla di una possibile inversione di tendenza sia per quanto riguarda i consumi alimentari che i prezzi di questi prodotti proprio grazie all’effetto degli 80 euro del bonus Irpef.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA RIVISTA

Conferisco il consenso al trattamento dei dati personali