Bioenergie, un’opportunità di sviluppo per il mercato agricolo

Data: 19 ottobre 2011  |  Di: Redazione

Categoria: Bio Energie

Bioenergie e produzione di cibo: conflitto o opportunità? La richiesta di colture per la produzione di energie rinnovabili è spesso additata come uno dei fattori della crisi alimentare che si trova ad affrontare negli ultimi anni il mondo, con conseguenze più evidenti e drammatiche nei Paesi sottosviluppati.

Un recente studio condotto da Johan Vinterbäck, ricercatore alla Swedish University of Agricultural Sciences, individua piuttosto la causa dell’insicurezza alimentare globale in una distribuzione poco equa delle risorse. In questa prospettiva, la crescita del mercato delle bioenergie rappresenta un’opportunità per arginare il problema.

Vinterbäck analizza i molteplici vantaggi offerti da uno sviluppo sostenibile delle coltivazioni destinate alla produzione energetica. Gli investimenti pubblici e privati in questo settore darebbero nuova linfa alle infrastrutture ed ai sistemi agricoli incentrati sul mercato alimentare, contribuendo a risollevare le economie rurali locali.

Le colture destinate al settore bioenergetico necessitano, ad esempio, di un’irrigazione costante ed efficiente per mantenere elevata la produzione senza sprecare preziose risorse idriche. Gli stessi impianti potrebbero essere utilizzati per aumentare la produzione agricola riservata al comparto alimentare. Un apporto affatto trascurabile per quei Paesi poveri che hanno ancora numerose lacune da colmare sul fronte di sistemi efficienti di coltivazione e di irrigazione.

Tags: , ,

0 Commenti

Lascia il tuo commento

* Campi Obbligatori

 

  • Uva da tavola, urge rinnovamento

    uva da tavola

    Ad oggi l’Italia è il primo produttore europeo di uva da tavola e si colloca tra i primi anche a livello globale. Un primato senza dubbio molto importante, che conferma la posizione di leadership che ha il Belpaese nella produzione alimentare di qualità, ma che rischia però di... Continua

  • Esportazioni agroalimentari, il 2015 inizia con un sostenuto trend positivo

    agroalimentare

    Dal 2004 ad oggi la quota delle esportazioni dei prodotti agroalimentari Made in Italy è cresciuta del 70%, arrivando a toccare gli oltre 34 miliardi di euro in valore. Un trend assolutamente positivo confermato dai primi dati riguardanti l’anno in corso: secondo l’Istat, infatti, nei primi tre mesi... Continua

  • Agricoltura biologica, un modello in crescita

    Fresh vegetables

    La popolazione in costante aumento e le pressioni che esercitiamo sulle risorse del pianeta, ci pongono di fronte a una sfida complessa, produrre cibo per tutti e preservare l’ambiente. Per vincere questa sfida, l’agricoltura biologica potrebbe essere una delle strade percorribili. Secondo una recente indagine dell’Ispra, che conferma molti dei dati... Continua

  • Olio italiano, la filiera si stringe per salvare il settore

    olio d'oliva

    Nonostante l’olio extra vergine di oliva sia uno dei prodotti più imitati e contraffatti del Made in Italy agroalimentare italiano, quello originale, prodotto in Italia secondo la tradizione, rischia di diventare un bene sempre più raro. La scorsa annata è stata una delle peggiori per il settore, con maltempo... Continua

  • Disboscamento dei frutteti, è allarme

    Cesto Mele Frutta

    Negli ultimi quindici anni la superficie dei frutteti italiani ha perso 140mila ettari quadrati, passando da 426mila a 286mila, una diminuzione di circa un terzo che ha già manifestato i suoi effetti, con ripercussioni negative non solo a carico dei coltivatori e del settore tutto, ma anche per l’ambiente e per... Continua