Bioenergie, un’opportunità di sviluppo per il mercato agricolo

Data: 19 ottobre 2011  |  Di: Redazione

Categoria: Bio Energie

Bioenergie e produzione di cibo: conflitto o opportunità? La richiesta di colture per la produzione di energie rinnovabili è spesso additata come uno dei fattori della crisi alimentare che si trova ad affrontare negli ultimi anni il mondo, con conseguenze più evidenti e drammatiche nei Paesi sottosviluppati.

Un recente studio condotto da Johan Vinterbäck, ricercatore alla Swedish University of Agricultural Sciences, individua piuttosto la causa dell’insicurezza alimentare globale in una distribuzione poco equa delle risorse. In questa prospettiva, la crescita del mercato delle bioenergie rappresenta un’opportunità per arginare il problema.

Vinterbäck analizza i molteplici vantaggi offerti da uno sviluppo sostenibile delle coltivazioni destinate alla produzione energetica. Gli investimenti pubblici e privati in questo settore darebbero nuova linfa alle infrastrutture ed ai sistemi agricoli incentrati sul mercato alimentare, contribuendo a risollevare le economie rurali locali.

Le colture destinate al settore bioenergetico necessitano, ad esempio, di un’irrigazione costante ed efficiente per mantenere elevata la produzione senza sprecare preziose risorse idriche. Gli stessi impianti potrebbero essere utilizzati per aumentare la produzione agricola riservata al comparto alimentare. Un apporto affatto trascurabile per quei Paesi poveri che hanno ancora numerose lacune da colmare sul fronte di sistemi efficienti di coltivazione e di irrigazione.

Tags: , ,

1 Commento

1 Commento

  1. Interessante questo binomio cibo ed energie rinnovabili. Leggevo di un incontro a cura dei produttori agricoli delle aree geotermiche presenti nella mia regione, la Toscana; parlava proprio di come coniugare ottima qualità gastronomica con le risorse energetiche rinnovabili e sostenibili. Direi che è un tema particolarmente rilevante!

Lascia il tuo commento

* Campi Obbligatori

  • Borsino dei vigneti italiani, quotazioni fino a 550 mila euro

    Vigneto

    In un mercato immobiliare stagnante e senza grandi speranze di ripresa, almeno per il momento, il settore vitivinicolo è riuscito a mantenersi stabile nelle sue quotazioni: un ettaro di terreno coltivato a vite viene valutato mediamente intorno ai 36.000 euro, quasi il doppio dei terreni dedicati ad... Continua

  • Cresce il consumo di suolo in Italia, le conseguenze

    Muro casa

    Continua in Italia l’avanzata del cemento. Le attività umane e le infrastrutture necessarie al loro svolgimento negli ultimi anni hanno consumato una parte sempre più ampia del territorio nazionale, arrivando a comprometterne irreversibilmente il 7.3%, con una superficie di 720 chilometri quadrati – in pratica la superficie... Continua

  • Pere, urge aumentare la produzione e la valorizzazione del prodotto

    pere abet

    In Italia si produce circa il 30% delle pere coltivate in tutta Europa. Le coltivazioni si concentrano soprattutto in Emilia Romagna, che da sola garantisce il 65% della produzione italiana. La situazione è quindi positiva per il Paese, ma è necessario non... Continua

  • Cereali, dati positivi per i mercati

    Cereali Spiga

    A tre mesi dall’inizio della raccolta, i dati rilasciati dai dipartimenti dell’agricoltura e dalle agenzie del settore sembrano essere piuttosto positivi, garantendo un andamento equilibrato dei mercati, nonostante le difficoltà che hanno dovuto affrontare i coltivatori dovute, da un lato, alle avverse condizioni... Continua

  • Gli effetti del cambiamento climatico in Italia

    Cambiamenti climatici

    Il 31 marzo l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), l’organizzazione intergovernativa che si occupa dello studio del cambiamento climatico per conto delle Nazioni Unite, ha pubblicato una parte del suo rapporto sul clima e sui cambiamenti climatici che, dall’inizio del XX secolo, stanno interessando il... Continua