In Polonia puntano sul Biogas: un impianto in ogni Comune

Data: 29 agosto 2012  |  Di: Redazione

Categoria: Bio Energie

La Polonia inaugura l’era del Biogas, con obiettivi chiari, concreti e importanti: da qui al 2020 ogni Comune dovrà avere il suo impianto. Ciò rientra nel Programma di sviluppo Biogas 2010-2020, attraverso il quale la Polonia sta provando ad avere almeno un impianto di biogas agricolo installato in ogni comune entro la data riportata sopra.

Il primo è in fase di costruzione. Sarà di 2,4 MW Biogas e si troverà a Darzyno. Ente costruttore: Weltec Biopower, fornitore tedesco di tecnologie per la produzione di Biogas, chiamato in causa per produrlo a partire da un mix di mais e liquame. A fornire le due materie saranno gli agricoltori della zona. L’impianto è predisposto per trattare anche i rifiuti di patate, provenienti da una vicina azienda dedita alla produzione di patatine fritte. L’impianto si trova non lontano da Danzica. La sua gestione è stata affidata alla società Newd. La sua capienza contempla ben 4 serbatoi, ognuno da 5.000 mt cubi. Ogni serbatoio possiede 4-438 metri cubi in acciaio inox per la fase di fermentazione, unitamente ad un alimentatore da 50 metri cubi adibito al dosaggio.

La società di gestione dell’impianto, la Newd, lavora prevalentemente nel settore eolico, in qualità di utility. Per l’occasione è stata affiancata alla filiale polacca della casa che sta costruendo lo stesso impianto: la Weltec Poksa, sorella natia del luogo della fabbrica tedesca.

È proprio tale casa produttrice ad aver ritenuto che la Polonia offre tutte le condizioni possibili per la produzione di Biogas. Il Paese vanta una superficie agricola pari a quasi 18,5 milioni di ettari. Si tratta di una cifra da non sottovalutare, soprattutto dal momento che si parla di 1,5 milioni di ettari in più rispetto alla Germania.

Inoltre la Polonia vanta una grossa produzione di concime liquido proveniente da bovini, suini e pollame. La Weltec ha poi sottolineato le ottime condizioni delle infrastrutture presenti in Polonia, ideali per il tipo di produzione in questione.

Grazie ad alcune sovvenzioni nel campo dell’energia da fonti rinnovabili termiche e in virtù di una infrastruttura altamente sviluppata per il trasporto di gas e teleriscaldamento, il gioco può dirsi fatto.

Tags: , ,

0 Commenti

Lascia il tuo commento

* Campi Obbligatori

  • Olio d’oliva, l’Italia riconferma il suo primato

    olio d'oliva mano

    L’olio di oliva si riconferma come uno dei prodotti più apprezzati, sia in Italia che all’estero, della produzione agroalimentare italiana. Secondo gli ultimi dati, come è stato evidenziato anche a Verona nel convegno organizzato da Unaprol sul tema “Qualità dei territori, l’offerta delle Dop dell’olio di oliva”, gli... Continua

  • Condotta flessibile FlatNet: la soluzione per i sistemi di irrigazione ad alta pressione

    tubi_netafim

    FlatNet™ è la soluzione ideale per l’impiego di condotte principali, secondarie e soluzioni di micro aspersione. E’ un prodotto dalle grandi prestazioni caratterizzato dalla presenza di uscite saldate che abbassano i costi d’installazione e garantiscono un collegamento sicuro e privo di perdite tra... Continua

  • Borsino dei vigneti italiani, quotazioni fino a 550 mila euro

    Vigneto

    In un mercato immobiliare stagnante e senza grandi speranze di ripresa, almeno per il momento, il settore vitivinicolo è riuscito a mantenersi stabile nelle sue quotazioni: un ettaro di terreno coltivato a vite viene valutato mediamente intorno ai 36.000 euro, quasi il doppio dei terreni dedicati ad... Continua

  • Cresce il consumo di suolo in Italia, le conseguenze

    Muro casa

    Continua in Italia l’avanzata del cemento. Le attività umane e le infrastrutture necessarie al loro svolgimento negli ultimi anni hanno consumato una parte sempre più ampia del territorio nazionale, arrivando a comprometterne irreversibilmente il 7.3%, con una superficie di 720 chilometri quadrati – in pratica la superficie... Continua

  • Pere, urge aumentare la produzione e la valorizzazione del prodotto

    pere abet

    In Italia si produce circa il 30% delle pere coltivate in tutta Europa. Le coltivazioni si concentrano soprattutto in Emilia Romagna, che da sola garantisce il 65% della produzione italiana. La situazione è quindi positiva per il Paese, ma è necessario non... Continua