In Polonia puntano sul Biogas: un impianto in ogni Comune

Data: 29 agosto 2012  |  Di: Redazione

Categoria: Bio Energie

La Polonia inaugura l’era del Biogas, con obiettivi chiari, concreti e importanti: da qui al 2020 ogni Comune dovrà avere il suo impianto. Ciò rientra nel Programma di sviluppo Biogas 2010-2020, attraverso il quale la Polonia sta provando ad avere almeno un impianto di biogas agricolo installato in ogni comune entro la data riportata sopra.

Il primo è in fase di costruzione. Sarà di 2,4 MW Biogas e si troverà a Darzyno. Ente costruttore: Weltec Biopower, fornitore tedesco di tecnologie per la produzione di Biogas, chiamato in causa per produrlo a partire da un mix di mais e liquame. A fornire le due materie saranno gli agricoltori della zona. L’impianto è predisposto per trattare anche i rifiuti di patate, provenienti da una vicina azienda dedita alla produzione di patatine fritte. L’impianto si trova non lontano da Danzica. La sua gestione è stata affidata alla società Newd. La sua capienza contempla ben 4 serbatoi, ognuno da 5.000 mt cubi. Ogni serbatoio possiede 4-438 metri cubi in acciaio inox per la fase di fermentazione, unitamente ad un alimentatore da 50 metri cubi adibito al dosaggio.

La società di gestione dell’impianto, la Newd, lavora prevalentemente nel settore eolico, in qualità di utility. Per l’occasione è stata affiancata alla filiale polacca della casa che sta costruendo lo stesso impianto: la Weltec Poksa, sorella natia del luogo della fabbrica tedesca.

È proprio tale casa produttrice ad aver ritenuto che la Polonia offre tutte le condizioni possibili per la produzione di Biogas. Il Paese vanta una superficie agricola pari a quasi 18,5 milioni di ettari. Si tratta di una cifra da non sottovalutare, soprattutto dal momento che si parla di 1,5 milioni di ettari in più rispetto alla Germania.

Inoltre la Polonia vanta una grossa produzione di concime liquido proveniente da bovini, suini e pollame. La Weltec ha poi sottolineato le ottime condizioni delle infrastrutture presenti in Polonia, ideali per il tipo di produzione in questione.

Grazie ad alcune sovvenzioni nel campo dell’energia da fonti rinnovabili termiche e in virtù di una infrastruttura altamente sviluppata per il trasporto di gas e teleriscaldamento, il gioco può dirsi fatto.

Tags: , ,

0 Commenti

Lascia il tuo commento

* Campi Obbligatori

  • Maltempo, i prezzi delle verdure continuano a salire

    Verdure Negozio

    L’economia italiana è in deflazione, ovvero si sta registrando un costante calo dei prezzi dovuto al rallentamento della domanda e dell’offerta: secondo i dati rilasciati dall’Istat relativi al mese di settembre, infatti, l’indice dei prezzi è sceso di un ulteriore 0,2% rispetto allo stesso periodo... Continua

  • Netafim è tra le 10 finaliste per il premio Sustainia 2014

    Netafim Logo

    Netafim è onorata di essere stata inserirta nella rosa dei dieci finalisti per il Sustainia Award nella categoria alimentazione. Il Sustainia Award è un premio internazionale annuale che viene dato ad una soluzione, tecnologia o progetto che abbia un potenziale significativo nell’ aiutare a costruire un futuro più sostenibile.... Continua

  • Aiuti per le aziende agricole italiane dopo l’embargo russo

    donne agricoltura

      L’agricoltura, anche in quest’ultimo periodo, ha dimostrato di essere un settore anticiclico. Nonostante, infatti, le grandi difficoltà a cui gli agricoltori italiani hanno dovuto far fronte a causa del maltempo che ha caratterizzato i mesi estivi e, successivamente, il blocco delle esportazioni dovuto all’embargo russo, i dati mostrano ancora... Continua

  • Fiera del Bovino da Latte, ci sarà anche Netafim

    bovino da latte

    Inizia oggi a Cremona la 69° edizione della Fiera del Bovino da Latte, una delle più importanti manifestazioni zootecniche a livello internazionale. Nei quattro giorni della fiera, che si terrà dal 22 al 25 ottobre, infatti, migliaia di allevatori e di esperti del... Continua

  • Prezzi agricoli, primi timidi segnali di ripresa

    Agricoltura CIA

    Dopo un’estate terribile per gli agricoltori italiani, la situazione nelle campagne e nei mercati sembra essere in leggera ripresa. Questo, almeno, è quanto si evince dai dati sui prezzi agricoli di settembre pubblicati dall’Ismea che evidenziano un aumento dei prezzi all’origine del 2,4% su base mensile, anche se, al confronto... Continua