In Polonia puntano sul Biogas: un impianto in ogni Comune

Data: 29 agosto 2012  |  Di: Redazione

Categoria: Bio Energie

La Polonia inaugura l’era del Biogas, con obiettivi chiari, concreti e importanti: da qui al 2020 ogni Comune dovrà avere il suo impianto. Ciò rientra nel Programma di sviluppo Biogas 2010-2020, attraverso il quale la Polonia sta provando ad avere almeno un impianto di biogas agricolo installato in ogni comune entro la data riportata sopra.

Il primo è in fase di costruzione. Sarà di 2,4 MW Biogas e si troverà a Darzyno. Ente costruttore: Weltec Biopower, fornitore tedesco di tecnologie per la produzione di Biogas, chiamato in causa per produrlo a partire da un mix di mais e liquame. A fornire le due materie saranno gli agricoltori della zona. L’impianto è predisposto per trattare anche i rifiuti di patate, provenienti da una vicina azienda dedita alla produzione di patatine fritte. L’impianto si trova non lontano da Danzica. La sua gestione è stata affidata alla società Newd. La sua capienza contempla ben 4 serbatoi, ognuno da 5.000 mt cubi. Ogni serbatoio possiede 4-438 metri cubi in acciaio inox per la fase di fermentazione, unitamente ad un alimentatore da 50 metri cubi adibito al dosaggio.

La società di gestione dell’impianto, la Newd, lavora prevalentemente nel settore eolico, in qualità di utility. Per l’occasione è stata affiancata alla filiale polacca della casa che sta costruendo lo stesso impianto: la Weltec Poksa, sorella natia del luogo della fabbrica tedesca.

È proprio tale casa produttrice ad aver ritenuto che la Polonia offre tutte le condizioni possibili per la produzione di Biogas. Il Paese vanta una superficie agricola pari a quasi 18,5 milioni di ettari. Si tratta di una cifra da non sottovalutare, soprattutto dal momento che si parla di 1,5 milioni di ettari in più rispetto alla Germania.

Inoltre la Polonia vanta una grossa produzione di concime liquido proveniente da bovini, suini e pollame. La Weltec ha poi sottolineato le ottime condizioni delle infrastrutture presenti in Polonia, ideali per il tipo di produzione in questione.

Grazie ad alcune sovvenzioni nel campo dell’energia da fonti rinnovabili termiche e in virtù di una infrastruttura altamente sviluppata per il trasporto di gas e teleriscaldamento, il gioco può dirsi fatto.

Tags: , ,

0 Commenti

Lascia il tuo commento

* Campi Obbligatori

  • Fiera del Bovino da Latte, ci sarà anche Netafim

    bovino da latte

    Inizia oggi a Cremona la 69° edizione della Fiera del Bovino da Latte, una delle più importanti manifestazioni zootecniche a livello internazionale. Nei quattro giorni della fiera, che si terrà dal 22 al 25 ottobre, infatti, migliaia di allevatori e di esperti del... Continua

  • Prezzi agricoli, primi timidi segnali di ripresa

    Agricoltura CIA

    Dopo un’estate terribile per gli agricoltori italiani, la situazione nelle campagne e nei mercati sembra essere in leggera ripresa. Questo, almeno, è quanto si evince dai dati sui prezzi agricoli di settembre pubblicati dall’Ismea che evidenziano un aumento dei prezzi all’origine del 2,4% su base mensile, anche se, al confronto... Continua

  • Sarà l’agricoltura a pagare per l’embargo russo?

    agricoltura campagna

    Ittica e produzione lattiero-casearia saranno i settore che beneficeranno maggiormente degli aiuti messi a disposizione dall’Unione Europea per sostenere il settore agroalimentare duramente colpito dall’embargo russo. Sono questi i primi risultati delle riunioni del Consiglio dell’Agricoltura che si stanno svolgendo in queste ultime settimane a Bruxelles, le quali, pur... Continua

  • Dissesto idrogeologico, serve una legge subito

    Alluvione

    La drammatica alluvione di Genova dei giorni scorsi, occorsa a meno di tre anni dalla precedente in cui persero la vita sei persone, è ‘solamente’ l’emblema del problema del consumo del suolo e del conseguente dissesto idrogeologico che in questi ultimi anni, purtroppo, si sta manifestando con... Continua

  • Scarti alimentari, una risorsa tutta da scoprire

    Prodotti alimentari

    Prima di raggiungere gli scaffali dei supermercati il cibo subisce una più o meno lunga fase di lavorazione che, ovviamente, porta alla produzione di scarti, che, come tali, devono essere smaltiti. Si tratta di rifiuti a tutti gli effetti, di materie che, almeno al momento, hanno poche possibilità... Continua