In Polonia puntano sul Biogas: un impianto in ogni Comune

Data: 29 agosto 2012  |  Di: Redazione

Categoria: Bio Energie

La Polonia inaugura l’era del Biogas, con obiettivi chiari, concreti e importanti: da qui al 2020 ogni Comune dovrà avere il suo impianto. Ciò rientra nel Programma di sviluppo Biogas 2010-2020, attraverso il quale la Polonia sta provando ad avere almeno un impianto di biogas agricolo installato in ogni comune entro la data riportata sopra.

Il primo è in fase di costruzione. Sarà di 2,4 MW Biogas e si troverà a Darzyno. Ente costruttore: Weltec Biopower, fornitore tedesco di tecnologie per la produzione di Biogas, chiamato in causa per produrlo a partire da un mix di mais e liquame. A fornire le due materie saranno gli agricoltori della zona. L’impianto è predisposto per trattare anche i rifiuti di patate, provenienti da una vicina azienda dedita alla produzione di patatine fritte. L’impianto si trova non lontano da Danzica. La sua gestione è stata affidata alla società Newd. La sua capienza contempla ben 4 serbatoi, ognuno da 5.000 mt cubi. Ogni serbatoio possiede 4-438 metri cubi in acciaio inox per la fase di fermentazione, unitamente ad un alimentatore da 50 metri cubi adibito al dosaggio.

La società di gestione dell’impianto, la Newd, lavora prevalentemente nel settore eolico, in qualità di utility. Per l’occasione è stata affiancata alla filiale polacca della casa che sta costruendo lo stesso impianto: la Weltec Poksa, sorella natia del luogo della fabbrica tedesca.

È proprio tale casa produttrice ad aver ritenuto che la Polonia offre tutte le condizioni possibili per la produzione di Biogas. Il Paese vanta una superficie agricola pari a quasi 18,5 milioni di ettari. Si tratta di una cifra da non sottovalutare, soprattutto dal momento che si parla di 1,5 milioni di ettari in più rispetto alla Germania.

Inoltre la Polonia vanta una grossa produzione di concime liquido proveniente da bovini, suini e pollame. La Weltec ha poi sottolineato le ottime condizioni delle infrastrutture presenti in Polonia, ideali per il tipo di produzione in questione.

Grazie ad alcune sovvenzioni nel campo dell’energia da fonti rinnovabili termiche e in virtù di una infrastruttura altamente sviluppata per il trasporto di gas e teleriscaldamento, il gioco può dirsi fatto.

Tags: , ,

0 Commenti

Lascia il tuo commento

* Campi Obbligatori

 

  • Cibo: quanto e come spendono gli italiani?

    Cibo _ Italia

    Il consumo di cibo è fondamentale per nutrire il proprio organismo nel modo migliore. La scelta è ampissima ma non sempre va di pari passo con la disponibilità, in particolar modo quella economica ma talvolta anche quella di materie prime, può essere ridotta. L’Istat si è chiesta quanto e come spendono... Continua

  • Quando la cannabis si coltiva a scopo terapeutico

    cannabis

    La coltivazione della cannabis a scopo terapeutico ha una duplice valenza: sanitaria ed economica. Dal punto di vista medico è un’opportunità che i pazienti hanno per migliorare le proprie condizioni di salute. Dal punto di vista economico si tratta di una ghiotta opportunità per il Made in Italy.... Continua

  • Verso una diversificazione delle bioenergie

    Le Bioenergie

    Uno dei temi connessi alla produzione delle bioenergie concerne il costo della produzione energetica in termini di risorse. Le risorse naturali a disposizione delle bioenergie sono molteplici. Tuttavia, uno studio realizzato dal Politecnico di Milano ha preso in considerazione due delle risorse più a rischio: l’acqua e il suolo. Lo... Continua

  • Perché api e bombi stanno scomparendo?

    Api

    Api, bombi e insetti impollinatori stanno gradualmente scomparendo dal Pianeta. I ricercatori tentano di individuare le cause di questo progressivo declino, facendo luce sui cambiamenti climatici e studiando soluzioni efficaci. Secondo gli esperti, riscaldamento globale e cambiamenti del clima mettono in pericolo l’ambiente naturale in cui risiedono api e... Continua

  • Calano le superfici per la coltivazione dei pomodori da industria

    Pomodori Agricoltura

    È tempo di previsioni per quanto riguarda la campagna del pomodoro da industria nell’area settentrionale italiana. La programmazione contemplata all’interno del contratto quadro per l’annata in corso dovrebbe essere sostanzialmente rispettata. A fare il punto della situazione, come di consueto, è l’Organizzazione Interprofessionale Pomodoro Nord Italia. L’OI si è espressa... Continua