In Polonia puntano sul Biogas: un impianto in ogni Comune

Data: 29 agosto 2012  |  Di: Redazione

Categoria: Bio Energie

La Polonia inaugura l’era del Biogas, con obiettivi chiari, concreti e importanti: da qui al 2020 ogni Comune dovrà avere il suo impianto. Ciò rientra nel Programma di sviluppo Biogas 2010-2020, attraverso il quale la Polonia sta provando ad avere almeno un impianto di biogas agricolo installato in ogni comune entro la data riportata sopra.

Il primo è in fase di costruzione. Sarà di 2,4 MW Biogas e si troverà a Darzyno. Ente costruttore: Weltec Biopower, fornitore tedesco di tecnologie per la produzione di Biogas, chiamato in causa per produrlo a partire da un mix di mais e liquame. A fornire le due materie saranno gli agricoltori della zona. L’impianto è predisposto per trattare anche i rifiuti di patate, provenienti da una vicina azienda dedita alla produzione di patatine fritte. L’impianto si trova non lontano da Danzica. La sua gestione è stata affidata alla società Newd. La sua capienza contempla ben 4 serbatoi, ognuno da 5.000 mt cubi. Ogni serbatoio possiede 4-438 metri cubi in acciaio inox per la fase di fermentazione, unitamente ad un alimentatore da 50 metri cubi adibito al dosaggio.

La società di gestione dell’impianto, la Newd, lavora prevalentemente nel settore eolico, in qualità di utility. Per l’occasione è stata affiancata alla filiale polacca della casa che sta costruendo lo stesso impianto: la Weltec Poksa, sorella natia del luogo della fabbrica tedesca.

È proprio tale casa produttrice ad aver ritenuto che la Polonia offre tutte le condizioni possibili per la produzione di Biogas. Il Paese vanta una superficie agricola pari a quasi 18,5 milioni di ettari. Si tratta di una cifra da non sottovalutare, soprattutto dal momento che si parla di 1,5 milioni di ettari in più rispetto alla Germania.

Inoltre la Polonia vanta una grossa produzione di concime liquido proveniente da bovini, suini e pollame. La Weltec ha poi sottolineato le ottime condizioni delle infrastrutture presenti in Polonia, ideali per il tipo di produzione in questione.

Grazie ad alcune sovvenzioni nel campo dell’energia da fonti rinnovabili termiche e in virtù di una infrastruttura altamente sviluppata per il trasporto di gas e teleriscaldamento, il gioco può dirsi fatto.

Tags: , ,

0 Commenti

Lascia il tuo commento

* Campi Obbligatori

 

  • Maltempo, decimate ciliegie e fragole

    ciliegie

    Nonostante l’estate sia ormai alle porte, condizioni metereologiche praticamente invernali continuano a caratterizzare la maggior parte delle regioni italiani, con conseguenze devastanti sulle coltivazioni di frutta e verdura, ormai prossime alla maturazione come le ciliegie e le fragole. Il maltempo ha spazzato l’intera penisola, causando forti danni in particolare alle... Continua

  • Uva da tavola, urge rinnovamento

    uva da tavola

    Ad oggi l’Italia è il primo produttore europeo di uva da tavola e si colloca tra i primi anche a livello globale. Un primato senza dubbio molto importante, che conferma la posizione di leadership che ha il Belpaese nella produzione alimentare di qualità, ma che rischia però di... Continua

  • Esportazioni agroalimentari, il 2015 inizia con un sostenuto trend positivo

    agroalimentare

    Dal 2004 ad oggi la quota delle esportazioni dei prodotti agroalimentari Made in Italy è cresciuta del 70%, arrivando a toccare gli oltre 34 miliardi di euro in valore. Un trend assolutamente positivo confermato dai primi dati riguardanti l’anno in corso: secondo l’Istat, infatti, nei primi tre mesi... Continua

  • Agricoltura biologica, un modello in crescita

    Fresh vegetables

    La popolazione in costante aumento e le pressioni che esercitiamo sulle risorse del pianeta, ci pongono di fronte a una sfida complessa, produrre cibo per tutti e preservare l’ambiente. Per vincere questa sfida, l’agricoltura biologica potrebbe essere una delle strade percorribili. Secondo una recente indagine dell’Ispra, che conferma molti dei dati... Continua

  • Olio italiano, la filiera si stringe per salvare il settore

    olio d'oliva

    Nonostante l’olio extra vergine di oliva sia uno dei prodotti più imitati e contraffatti del Made in Italy agroalimentare italiano, quello originale, prodotto in Italia secondo la tradizione, rischia di diventare un bene sempre più raro. La scorsa annata è stata una delle peggiori per il settore, con maltempo... Continua