In Polonia puntano sul Biogas: un impianto in ogni Comune

Data: 29 agosto 2012  |  Di: Redazione

Categoria: Bio Energie

La Polonia inaugura l’era del Biogas, con obiettivi chiari, concreti e importanti: da qui al 2020 ogni Comune dovrà avere il suo impianto. Ciò rientra nel Programma di sviluppo Biogas 2010-2020, attraverso il quale la Polonia sta provando ad avere almeno un impianto di biogas agricolo installato in ogni comune entro la data riportata sopra.

Il primo è in fase di costruzione. Sarà di 2,4 MW Biogas e si troverà a Darzyno. Ente costruttore: Weltec Biopower, fornitore tedesco di tecnologie per la produzione di Biogas, chiamato in causa per produrlo a partire da un mix di mais e liquame. A fornire le due materie saranno gli agricoltori della zona. L’impianto è predisposto per trattare anche i rifiuti di patate, provenienti da una vicina azienda dedita alla produzione di patatine fritte. L’impianto si trova non lontano da Danzica. La sua gestione è stata affidata alla società Newd. La sua capienza contempla ben 4 serbatoi, ognuno da 5.000 mt cubi. Ogni serbatoio possiede 4-438 metri cubi in acciaio inox per la fase di fermentazione, unitamente ad un alimentatore da 50 metri cubi adibito al dosaggio.

La società di gestione dell’impianto, la Newd, lavora prevalentemente nel settore eolico, in qualità di utility. Per l’occasione è stata affiancata alla filiale polacca della casa che sta costruendo lo stesso impianto: la Weltec Poksa, sorella natia del luogo della fabbrica tedesca.

È proprio tale casa produttrice ad aver ritenuto che la Polonia offre tutte le condizioni possibili per la produzione di Biogas. Il Paese vanta una superficie agricola pari a quasi 18,5 milioni di ettari. Si tratta di una cifra da non sottovalutare, soprattutto dal momento che si parla di 1,5 milioni di ettari in più rispetto alla Germania.

Inoltre la Polonia vanta una grossa produzione di concime liquido proveniente da bovini, suini e pollame. La Weltec ha poi sottolineato le ottime condizioni delle infrastrutture presenti in Polonia, ideali per il tipo di produzione in questione.

Grazie ad alcune sovvenzioni nel campo dell’energia da fonti rinnovabili termiche e in virtù di una infrastruttura altamente sviluppata per il trasporto di gas e teleriscaldamento, il gioco può dirsi fatto.

Tags: , ,

0 Commenti

Lascia il tuo commento

* Campi Obbligatori

  • Patate italiane da record, ma i prezzi scendono

    Patate

    La produzione di patate in Italia quest’anno è cresciuta del 20% rispetto al 2013, raggiungendo un quantitativo di ben 1,5 milioni di tonnellate, delle quali 1,2 di patate comuni e 300 mila di patate novelle. Una produzione da record, dovuta principalmente alla crescita degli investimenti e all’incremento delle rese... Continua

  • Agrinsieme traccia le linee per far ripartire l’agroalimentare

    Agricoltura

    Si chiama #campoliberofinoinfondo ed è il progetto che Agrinsieme (Confagricoltura, Cia e Alleanza delle cooperative Agroalimentari)  ha presentato negli scorsi giorni a Roma a di fronte a cinque esponenti del governo (il Ministro delle Politiche del Lavoro Giuliano Poletti, delle Politiche Agricole Maurizio Martina, della Salute... Continua

  • La rivoluzione dell’agricoltura parte dalla burocrazia

    Agricoltura - Gas Serra

    Tutti i cittadini italiani si trovano quotidianamente a fare fronte alla crescente pressione della burocrazia. Il rapporto con le amministrazioni e lungo e complicato, soprattutto per coloro che si trovano ad amministrare delle aziende medio piccole. L’agricoltura non è certamente al di fuori di questo... Continua

  • Maltempo, si contano i danni

    Maltempo

    10 milioni di euro. È questa la cifra dei danni causati, principalmente in Liguria e nel Nord Italia, dall’ultima ondata di maltempo calcolata dalla Coldiretti. Una cifra enorme che mette in evidenza la necessità di interventi che non siano solo di recupero delle zone colpite,... Continua

  • Un nuovo kit genetico per aumentare la resa dei pomodori

    pomodori kit

    I pomodori sono tra gli alimenti più geneticamente modificati nella storia. Fino ad ora i coltivatori hanno fatto affidamento sulla variazione naturale dei geni delle piante per aumentare la resa, arrivando a ottimi risultati che hanno migliorato sia la qualità che la quantità dei frutti, ma, ad... Continua