In Polonia puntano sul Biogas: un impianto in ogni Comune

Data: 29 agosto 2012  |  Di: Redazione

Categoria: Bio Energie

La Polonia inaugura l’era del Biogas, con obiettivi chiari, concreti e importanti: da qui al 2020 ogni Comune dovrà avere il suo impianto. Ciò rientra nel Programma di sviluppo Biogas 2010-2020, attraverso il quale la Polonia sta provando ad avere almeno un impianto di biogas agricolo installato in ogni comune entro la data riportata sopra.

Il primo è in fase di costruzione. Sarà di 2,4 MW Biogas e si troverà a Darzyno. Ente costruttore: Weltec Biopower, fornitore tedesco di tecnologie per la produzione di Biogas, chiamato in causa per produrlo a partire da un mix di mais e liquame. A fornire le due materie saranno gli agricoltori della zona. L’impianto è predisposto per trattare anche i rifiuti di patate, provenienti da una vicina azienda dedita alla produzione di patatine fritte. L’impianto si trova non lontano da Danzica. La sua gestione è stata affidata alla società Newd. La sua capienza contempla ben 4 serbatoi, ognuno da 5.000 mt cubi. Ogni serbatoio possiede 4-438 metri cubi in acciaio inox per la fase di fermentazione, unitamente ad un alimentatore da 50 metri cubi adibito al dosaggio.

La società di gestione dell’impianto, la Newd, lavora prevalentemente nel settore eolico, in qualità di utility. Per l’occasione è stata affiancata alla filiale polacca della casa che sta costruendo lo stesso impianto: la Weltec Poksa, sorella natia del luogo della fabbrica tedesca.

È proprio tale casa produttrice ad aver ritenuto che la Polonia offre tutte le condizioni possibili per la produzione di Biogas. Il Paese vanta una superficie agricola pari a quasi 18,5 milioni di ettari. Si tratta di una cifra da non sottovalutare, soprattutto dal momento che si parla di 1,5 milioni di ettari in più rispetto alla Germania.

Inoltre la Polonia vanta una grossa produzione di concime liquido proveniente da bovini, suini e pollame. La Weltec ha poi sottolineato le ottime condizioni delle infrastrutture presenti in Polonia, ideali per il tipo di produzione in questione.

Grazie ad alcune sovvenzioni nel campo dell’energia da fonti rinnovabili termiche e in virtù di una infrastruttura altamente sviluppata per il trasporto di gas e teleriscaldamento, il gioco può dirsi fatto.

Tags: , ,

0 Commenti

Lascia il tuo commento

* Campi Obbligatori

  • Agricoltura e innovazione, la rinuncia agli OGM è stata davvero una buona scelta?

    spiga grano

    Nell’immaginario collettivo, l’agricoltura è il settore economico più tradizionale, caratterizzato da un contatto diretto e puro con la natura e dalla fatica dell’uomo. Ma i tempi cambiano, e lo fanno anche piuttosto velocemente, tanto che questo concetto di tradizione, se si vuole che l’agricoltura, nello specifico quella... Continua

  • Mercato cerealicolo, produzione in crescita in tutto il mondo

    cereali

    L’annata in corso, tanto per la soia quanto per i cereali, è stata piuttosto anomala rispetto all’andamento normale di questa coltivazioni. Le condizioni atmosferiche avverse di una lunga parte dell’anno hanno messo in serio pericolo la produzione stagionale di alcuni dei principali paesi... Continua

  • Vino, per la Corte dei Conti Europea non c’è bisogno di ulteriori aiuti

    vino rosso

    Il settore vinicolo è una voce piuttosto consistente del sistema economico dell’Unione Europea e, come tale, è spesso il destinatario di misure e sostegni specifici che possano aumentare la sua competitività tanto sul mercato interno che su quello internazionale. Ma la Corte dei Conti... Continua

  • Patate italiane, il raccolto promette bene

    Patate

    Sono iniziate da pochi giorni le operazioni di raccolta delle patate nel territorio bolognese, una delle zone dove si concentra una larga parte della produzione del tubero in Italia, in particolar modo la varietà Primura, ovvero la patata da conservazione. Stando ai... Continua

  • Cresce il mercato del vino negli Usa, con l’Italia primo importatore

    Vino usa

    Gli Stati Uniti sono da sempre un mercato particolarmente attivo per quanto riguarda il settore enologico, tanto nella produzione e nella commercializzazione interna (anche se questo è un fenomeno piuttosto nuovo) quanto nella ricezione della produzione estera. Questo mercato, anche in questo difficile periodo di crisi economica, continua... Continua