In Polonia puntano sul Biogas: un impianto in ogni Comune

Data: 29 agosto 2012  |  Di: Redazione

Categoria: Bio Energie

La Polonia inaugura l’era del Biogas, con obiettivi chiari, concreti e importanti: da qui al 2020 ogni Comune dovrà avere il suo impianto. Ciò rientra nel Programma di sviluppo Biogas 2010-2020, attraverso il quale la Polonia sta provando ad avere almeno un impianto di biogas agricolo installato in ogni comune entro la data riportata sopra.

Il primo è in fase di costruzione. Sarà di 2,4 MW Biogas e si troverà a Darzyno. Ente costruttore: Weltec Biopower, fornitore tedesco di tecnologie per la produzione di Biogas, chiamato in causa per produrlo a partire da un mix di mais e liquame. A fornire le due materie saranno gli agricoltori della zona. L’impianto è predisposto per trattare anche i rifiuti di patate, provenienti da una vicina azienda dedita alla produzione di patatine fritte. L’impianto si trova non lontano da Danzica. La sua gestione è stata affidata alla società Newd. La sua capienza contempla ben 4 serbatoi, ognuno da 5.000 mt cubi. Ogni serbatoio possiede 4-438 metri cubi in acciaio inox per la fase di fermentazione, unitamente ad un alimentatore da 50 metri cubi adibito al dosaggio.

La società di gestione dell’impianto, la Newd, lavora prevalentemente nel settore eolico, in qualità di utility. Per l’occasione è stata affiancata alla filiale polacca della casa che sta costruendo lo stesso impianto: la Weltec Poksa, sorella natia del luogo della fabbrica tedesca.

È proprio tale casa produttrice ad aver ritenuto che la Polonia offre tutte le condizioni possibili per la produzione di Biogas. Il Paese vanta una superficie agricola pari a quasi 18,5 milioni di ettari. Si tratta di una cifra da non sottovalutare, soprattutto dal momento che si parla di 1,5 milioni di ettari in più rispetto alla Germania.

Inoltre la Polonia vanta una grossa produzione di concime liquido proveniente da bovini, suini e pollame. La Weltec ha poi sottolineato le ottime condizioni delle infrastrutture presenti in Polonia, ideali per il tipo di produzione in questione.

Grazie ad alcune sovvenzioni nel campo dell’energia da fonti rinnovabili termiche e in virtù di una infrastruttura altamente sviluppata per il trasporto di gas e teleriscaldamento, il gioco può dirsi fatto.

Tags: , ,

0 Commenti

Lascia il tuo commento

* Campi Obbligatori

  • Intervista al pataticoltore a Budrio (BO) Sig. Matteo Todeschini

    2014-07-25_175102

    Il Sig. Matteo Todeschini, agricoltore e titolare dell’Azienda Agricola Todeschini di Budrio nella provincia di Bologna racconta la sua esperienza di pataticoltore con l’irrigazione a goccia di Netafim. “Nella mia azienda si coltivano patate da vent’anni. Nella mia azienda ero arrivato a un punto limite, non... Continua

  • Biogas, dall’erba da sfalcio una risorsa economica ed ecologica

    erba sfalcio

    Il principio di base che sottostà alla produzione e all’utilizzo del biogas è di utilizzare gli scarti della produzione agroalimentare per produrre energia da sfruttare in altro modo. In pratica, si tratta di dare valore a materiali che da scarti diventano preziose fonti,... Continua

  • Avanza la crisi dei consumi alimentari

    Agroalimentare

    La crisi economica che da diversi anni sta sferzando molti paesi industrializzati, come sappiamo bene, ha colpito duramente anche l’Italia, la cui situazione economica, al momento, è data come leggermente in ripresa, anche se spesso i dati tendono a mostrare il contrario. Uno degli indicatori più significativi delle condizioni di... Continua

  • Ali verdi: l’iniziativa gratuita per la raccolta delle ali gocciolanti a fine stagione

    ali gocciolanti ali verdi

    Ali Verdi è il nome dell’iniziativa promossa da Netafim e Cascina Pulita che non solo solleva gli agricoltori e l’ambiente dai problemi legati alla raccolta e allo smaltimento delle ali gocciolanti a fine stagione, ma propone anche benefici di assoluto rilievo. I costi, l’organizzazione del ritiro... Continua

  • Fruit Innovation, anche l’Italia avrà il suo salone internazionale della frutta

    Pesche

    I prodotti ortofrutticoli italiani sono secondi solo al vino in termini di esportazioni. Ma, nonostante questa loro grande importanza nella bilancia commerciale del Made in Italy, manca ancora un evento, un punto di incontro per tutti gli attori della filiera di questo settore. Questa lacuna sarà colmata a... Continua