In Polonia puntano sul Biogas: un impianto in ogni Comune

Data: 29 agosto 2012  |  Di: Redazione

Categoria: Bio Energie

La Polonia inaugura l’era del Biogas, con obiettivi chiari, concreti e importanti: da qui al 2020 ogni Comune dovrà avere il suo impianto. Ciò rientra nel Programma di sviluppo Biogas 2010-2020, attraverso il quale la Polonia sta provando ad avere almeno un impianto di biogas agricolo installato in ogni comune entro la data riportata sopra.

Il primo è in fase di costruzione. Sarà di 2,4 MW Biogas e si troverà a Darzyno. Ente costruttore: Weltec Biopower, fornitore tedesco di tecnologie per la produzione di Biogas, chiamato in causa per produrlo a partire da un mix di mais e liquame. A fornire le due materie saranno gli agricoltori della zona. L’impianto è predisposto per trattare anche i rifiuti di patate, provenienti da una vicina azienda dedita alla produzione di patatine fritte. L’impianto si trova non lontano da Danzica. La sua gestione è stata affidata alla società Newd. La sua capienza contempla ben 4 serbatoi, ognuno da 5.000 mt cubi. Ogni serbatoio possiede 4-438 metri cubi in acciaio inox per la fase di fermentazione, unitamente ad un alimentatore da 50 metri cubi adibito al dosaggio.

La società di gestione dell’impianto, la Newd, lavora prevalentemente nel settore eolico, in qualità di utility. Per l’occasione è stata affiancata alla filiale polacca della casa che sta costruendo lo stesso impianto: la Weltec Poksa, sorella natia del luogo della fabbrica tedesca.

È proprio tale casa produttrice ad aver ritenuto che la Polonia offre tutte le condizioni possibili per la produzione di Biogas. Il Paese vanta una superficie agricola pari a quasi 18,5 milioni di ettari. Si tratta di una cifra da non sottovalutare, soprattutto dal momento che si parla di 1,5 milioni di ettari in più rispetto alla Germania.

Inoltre la Polonia vanta una grossa produzione di concime liquido proveniente da bovini, suini e pollame. La Weltec ha poi sottolineato le ottime condizioni delle infrastrutture presenti in Polonia, ideali per il tipo di produzione in questione.

Grazie ad alcune sovvenzioni nel campo dell’energia da fonti rinnovabili termiche e in virtù di una infrastruttura altamente sviluppata per il trasporto di gas e teleriscaldamento, il gioco può dirsi fatto.

Tags: , ,

0 Commenti

Lascia il tuo commento

* Campi Obbligatori

 

  • Anguria reggiana, verso la certificazione IGP

    Anguria

    L’anguria reggiana è prossima a ricevere un enorme riconoscimento. Diventerà il primo prodotto IGP per la provincia di Reggio Emilia e il primo prodotto IGP europeo della categoria. Un risultato che è stato possibile raggiungere grazie al lavoro dei produttori e al sostegno degli enti locali e dell’Università di Ferrara. L’anguria reggiana... Continua

  • Vino, migliorano le vendite in Italia ma l’e-commerce non decolla

    Vino - Bicchiere

    Le cantine nazionali hanno nuove opportunità sul mercato italiano a dimostrazione che i dati positivi non vengono solo dall’export. Il 36,5% delle aziende ha dichiarato un incremento del fatturato durante i primi quattro mesi dell’anno in corso in confronto allo stesso periodo del 2014, mentre il 53,9%... Continua

  • Il caldo e gli incendi danneggiano l’agricoltura

    incendi agricoltura

    Sono circa 800, fino a questo momento, gli incendi accesi durante l’ultima ondata di grande caldo che affligge l’Italia. Incendi accesi presso boschi, campi coltivati e nelle vicinanze dei centri abitati. E’ quello che emerge da un’analisi condotta da Coldiretti sulla falsa riga dei dati provenienti dal... Continua

  • Pressione Fiscale, Renzi promette l’eliminazione dell’Imu sui terreni agricoli

    Terreni agricoli

    Nei giorni scorsi, con quello che è passato in rassegna come il “Contratto dell’Expo”, il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha promesso un’ingente riduzione della pressione fiscale. In programma vi è un taglio delle imposte per 50 miliardi durante i prossimi 5 anni. La riduzione della pressione... Continua

  • Nuovi fornitori: dopo l’embargo la Russia si rivolge a Cina, Turchia e Israele

    Embargo Russia

    Dall’agosto dello scorso anno, la Russia a seguito del conflitto geopolitico con l’Ucraina ha vietato l’import di frutta e verdura provenienti da Australia, Canada, Ue, Usa e Norvegia. La lista dei prodotti soggetti a restrizioni è ampia e comprende verdura, radici commestibili e tuberi. Il... Continua