Carta di Cancun per tutelare la biodiversità

|

La Carta di Cancun per tutelare la biodiversità, sempre più importante in un mondo che viene messo in serio pericolo dai cambiamenti climatici causati  dall'inquinamento che troppo spesso vengono sottovalutati. Ecco perché centonovanta paesi hanno deciso di sottoscrivere un documento ufficiale (che ha aperto i lavori della 13esima Conferenza Onu sulla biodiversità in corso in Messico fino al 17 dicembre) in grado di salvaguardare la biodiversità promuovendo comportamenti sostenibili a favore dell'ambiente.

 

Quattro settori al centro dell'importante documento: foreste, pesca, turismo e agricoltura. Tutti a forte rischio negli ultimi decenni a causa di un processo irreversibile di cambiamento che sta producendo una serie di conseguenze negative. Il cambiamento climatico che sta investendo il pianeta terra è senza dubbio un valore da prendere in considerazione perché mette a serio rischio la biodiversità. Il messaggio lanciato dalla Carta di Cancun è quello di promuovere comportamenti differenti da parte delle società con l'obiettivo di garantire che l’uso delle risorse biologiche avvenga entro i limiti globali di sostenibilità. E sono tanti i paesi che si sono impegnati per far sì che questo obiettivo venga presto raggiunto. Tra questi c'è anche l'Italia che, con una nota ufficiale diramata via Ansa, ha dato la propria disponibilità per muoversi nella direzione di una maggiore tutela della biodiversità e lo sviluppo sostenibile indicati dal ministro dell’Ambiente. Ma anche Francia, Germania e Olanda si sono già espressi annunciano misure a sostegno dell'ambiente per salvaguardare il futuro di foreste, pesca, turismo e agricoltura. E mentre l'Olanda ha annunciato la creazione di una coalizione di volenterosi per la difesa degli insetti impollinatori, la Germania ha già stanziato dei soldi per progetti per la mitigazione dei cambiamenti climatici. E la Francia? Ha dichiarato il suo impegno per abbassare l’inquinamento degli oceani causato dalla presenza di microplastiche e creme solari.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA RIVISTA

Conferisco il consenso al trattamento dei dati personali