Come rispettare l’ambiente con un’irrigazione tecnologica

|

Oggi proponiamo un articolo uscito qualche anno fa sulla nostra rivista aziendale ma sempre di attualità. Netafim è da sempre impegnata nello sviluppo di metodi e strumenti per la conservazione dell’acqua - una delle risorse più preziose del mondo - e più in generale per promuovere ed aumentare la produzione mondiale di cibo e poter portare sollievo alle popolazioni meno privilegiate. Tutto ciò per migliorare la qualità dell’ambiente e la bellezza del pianeta su cui viviamo. Anche nelle piccole questioni giornaliere siamo impegnati ad agire con una sempre maggiore attenzione all’impatto della nostra attività sulle risorse ambientali.

L’importanza di una corretta ed efficace irrigazione

Una corretta ed efficace irrigazione si concretizza con una gestione ottimale dell'acqua,

con l'obiettivo di aumentare la produttività agricola e migliorare conseguentemente la qualità degli alimenti. In particolare, laddove siano largamente presenti problemi di scarsità d'acqua o di difficoltà di approvvigionamento e di distribuzione idrica, l'utilizzo efficiente dell'acqua disponibile è la sfida più importante. E' un fatto ormai comunemente accettato che anche le attività agricole, in casi particolari, giochino un ruolo importante sul livello di inquinamento ambientale. Un effetto particolarmente negativo sull'ambiente, da parte delle attività agricole, può essere per esempio attribuito all'uso irrazionale degli impianti di irrigazione e all'utilizzo inefficiente di fertilizzanti, pesticidi o altri prodotti chimici. Tuttavia, in agricoltura si stanno verificando importanti evoluzioni nell’irrigazione e nelle tecniche di fertilizzazione, con un contestuale sviluppo della competenza agronomica.

Questi elementi costituiscono una piattaforma fondamentale per il successo delle attività

agricole, prevenendo contestualmente i danni ecologici.

In particolare, si possono evidenziare alcuni vantaggi ottenibili con l’erogazione di quantità precise di acqua e di fertilizzanti nelle zone attive dell'apparato radicale, in combinazione con una precisa e razionale conoscenza agronomica delle necessità idriche della pianta.

1.    L'Irrigazione rispettosa dell’ambiente è direttamente collegata alla riduzione dell'uso dei pesticidi

Il diffuso utilizzo di prodotti chimici per il controllo delle malattie, dei parassiti e delle infestanti è ormai una pratica comune in agricoltura. Per contenerne gli eccessi di impiego, è necessario trovare valide alternative senza danneggiare la qualità del raccolto e/o i profitti dell’ agricoltore. Lo sviluppo delle malattie dell'apparato fogliare e l'aumento delle infestanti sono incrementati dall'accumulo di acqua sulla superficie fogliare stessa, e dall'umidità presente nell'aria e nel suolo.

La riduzione della bagnatura della foglia e la limitazione dell'umidità del suolo solo ad una zona ristretta, utilizzando ad esempio un impianto di irrigazione a goccia, limitano le malattie fogliari e riducono lo sviluppo delle infestanti, minimizzando la necessità di fitofarmaci.

2.    L’ottimizzazione della concimazione

La tendenza ad incrementare la produzione agricola e renderla più efficiente è direttamente collegata alla diffusione dell'utilizzo di una ampia varietà di fertilizzanti il cui uso eccessivo, tuttavia, può causare problemi legati al loro accumulo nel terreno e nelle falde acquifere.

Vari composti azotati (nitrati, ammoniaca, urea e nitrati organici), per esempio, vengono facilmente dilavati nel terreno, e possono inquinare la falda acquifera.

Anche in questo caso, è necessario integrare irrigazione a goccia e competenze agronomiche, con una corretta previsione del fabbisogno azotato ed un accurata somministrazione di fertilizzanti solo alle zone radicali attraverso il sistema di irrigazione. Il controllo della quantità di acqua e del livello di azoto a livello dell'apparato radicale, e al di sotto di questo, permettono un dosaggio equilibrato di fertilizzante e acqua.

3.    Il contenimento dei fenomeni erosivi e del depauperamento della superficie e del sottosuolo

L'erosione del suolo e la distruzione dell'ambiente originario sono fenomeni diffusi,

prevalentemente dovuti alla precipitazione idrica e ad un regime di irrigazione eccessivo e incontrollato. Questo si verifica su ogni tipo di suolo e di topografia, ed è particolarmente accentuato nei terreni in pendenza. In questi casi la soluzione più efficace è l’irrigazione a goccia, che consente la distribuzione lenta di un basso volume d’acqua, conformemente alle caratteristiche di assorbimento del terreno.

4.    Il risparmio idrico e conservazione delle risorse d'acqua

 L'irrigazione a goccia è un metodo estremamente efficiente ed economico, poiché contempera una evaporazione contenuta a livello della superficie del suolo, una somministrazione di calibrate quantità d'acqua a livello della zona radicale attiva ed una distribuzione uniforme dell'acqua. L'uniformità di distribuzione dell’acqua ottenuta con questo sistema può far risparmiare fino al 30 – 40 % di acqua in confronto all'irrigazione a scorrimento, e fino al 10 - 20 % in confronto all'irrigazione a pioggia

5.    La riduzione del fabbisogno di energia

Il fabbisogno di energia di un sistema di irrigazione a goccia è basso, comparato a quello degli altri metodi di irrigazione. Alti consumi energetici sono direttamente associati con l'inquinamento ambientale e dell'atmosfera per il processo di produzione dell’energia stessa.

6.    L’uso razionale di acque bianche di riciclo con irrigazione a goccia sia con ali gocciolanti posate sul terreno che interrate (subirrigazione)

L’irrigazione a goccia consente, in agricoltura, il riutilizzo efficiente di acqua di bassa qualità (ad esempio, acqua ad elevato contenuto salino o acque reflue), riducendo la necessità di una costosa depurazione e conseguente riduzione dei costi energetici.

Un’attenta redistribuzione delle acque bianche permette la prevenzione dell'inquinamento del suolo e delle altre risorse idriche, e la sua applicazione ha promosso lo sviluppo di un sistema di irrigazione relativamente nuovo, con ali gocciolanti posizionate sotto la superficie del terreno (subirrigazione). Questo sistema agro-tecnologico risulta essere una soluzione ottimale specialmente per l’utilizzo di acque reflue e consente, ad esempio, alle autorità municipali di irrigare a costi limitatissimi vaste aree adibite a verde pubblico.

E' dunque importante la scelta di un sistema di irrigazione efficace e razionale, supportato da elevate competenze agronomiche, per raggiungere risultati di ottimo livello e prevenire l'inquinamento ambientale.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA RIVISTA

Conferisco il consenso al trattamento dei dati personali