Immagini per la Terra, tutti a scuola di acqua

|

L’acqua è un bene comune. Questo concetto, un vero e proprio assioma da seguire, viene spesso dimenticato. Così, durante la prossima edizione del concorso di Green Cross Italia 2013, gli organizzatori hanno pensato di mandare i convenuti “a scuola di acqua”. La necessità di conoscere la quantità disponibile di questa risorsa sulla superficie terrestre, nonché di informare sul moderno concetto di impronta idrica sono solo due dei punti che verranno trattati durante la prossima edizione, condensati in vere e proprie lezioni per gli utenti.

Pochi conoscono, ed esempio, la quantità d’acqua necessaria per fabbricare un paio di scarpe. Sono ancora pochi, inoltre, coloro che conoscono la quantità di acqua necessaria per produrre una pizza o un hamburger.

Per fornire la risposta a queste e ad altre domande gli studenti che sono stati chiamati rispondere avranno la possibilità di partecipare alla ventunesima Edizione del Concorso Immagini per la Terra,  promosso dall’Ong Green Cross Italia. L’edizione dell’evento sarà dedicata proprio a questo bene comune. Quale miglior occasione per celebrare al meglio l’Anno internazionale della cooperazione nel settore idrico proclamato dall’Onu per il 2013?

Il tema centrale di questa edizione del concorso sarà “Inizia da te: l’acqua”.

Il concorso, che prende il nome di Immagini per la terra, si svolge con l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano, nonché con il patrocinio delle più alte cariche Statali. Possono parteciparvi gli studenti delle scuole italiane di ogni ordine e grado. Per farlo dovranno impegnarsi nell’elaborazione di temi aventi in essi informazioni su tutte le tipologie di linguaggio e di espressione. Partecipare si può, ed è gratis.

Green Cross Italia, dunque, nel 2013 porterà i più giovani (le future generazioni del pianeta) a scuola di acqua. Si parlerà della quantità idrica disponibile sulla crosta terrestre, delle problematiche inerenti allo sfruttamento del suolo idrico e dei cambiamenti climatici, nonché della parte politica e istituzionale relativa al bene comune. Il percorso didattico infatti, sarà un vero è proprio itinerario per approfondire la conoscenza della risorsa naturale più preziosa che esista.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA RIVISTA

Conferisco il consenso al trattamento dei dati personali