È israeliano il vino più antico del mondo

|

È stata presentata  durante il convegno annuale delle Scuole Americane di Ricerche Orientali a Baltimora una delle scoperte più interessanti degli ultimi anni. Si tratta del ritrovamento della cantina più grande e antica del mondo: circa 40 giare da 50 litri l’una in cui era contenuto del vino risalente a 3.700 anni fa.

L’antichissimo vino è stato rinvenuto tra le rovine di Tel Kabri, una città cananea a nord di Israele da un gruppo statunitense e israeliano della George Washington University, Brandeis University e università di Haifa.

Gli studiosi hanno ritrovato le anfore sotto uno strato di detriti (molto probabilmente residui del crollo del palazzo nel quale si trovava la cantina) e hanno poi proceduto all’analisi chimica delle stesse per identificare la sostanza che queste contenevano. Il risultato delle analisi è stato un mix di diverse tipologie di frutta e di spezie, ovvero gli ingredienti utilizzati dai nostri lontani antenati per la preparazione del vino.

Il vino come è attualmente conosciuto, infatti, è un’invenzione che si può definire moderna. È solo da circa tre secoli che il vino si prepara esclusivamente con l’uva: prima di questa rivoluzione si otteneva con un mix di frutta di vario tipo – susine, albicocche, pere, mele e uva – alle quali venivano aggiunte delle spezie per aromatizzare il tutto e per evitare la proliferazione dei batteri.

Altro dettaglio confermato dal ritrovamento delle giare di Tel Kabri è il colore del vino: nell’antichità il vino era esclusivamente rosso, solo dopo il grande freddo del 1300 i vitigni rossi hanno iniziato la loro mutazione verso il bianco (è quanto accaduto, ad esempio, allo Chardonnay).

Il ritrovamento delle giare a Tel Kabri non è la prima scoperta in tal senso – già qualche anno fa si scoprirono dei resti simili, ma in quantità molto minori, in Iraq – ma è un’ulteriore prova del fatto che il vino è sempre stato presente nella storia dell’uomo, almeno tra quei popoli che si affacciano sul Mediterraneo e, soprattutto, è il primo ritrovamento di una vera e propria cantina.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA RIVISTA

Conferisco il consenso al trattamento dei dati personali