Halloween tra maltempo e sprechi alimentari

|

Con il crescere della popolarità della festa di Halloween, antica tradizione celtica poi esportata negli Stati Uniti e qui divenuta una delle ricorrenze maggiormente sentite, la produzione di zucche è esponenzialmente cresciuta negli ultimi decenni. Ma quest’anno molti coltivatori, sia in Gran Bretagna sia negli Stati Uniti, quest’anno hanno dovuto fare i conti con condizioni climatiche avverse che hanno rovinato gran parte del raccolto.

Il demone che ha anticipato e rovinato la festa di Halloween in Gran Bretagna si chiama Gonzalo, l’uragano che in questi ultimi giorni si è abbattuto con g su molte parti del paese, ed in particolare nel Lincolnshire, una delle zone in cui vengono prodotte le tipiche zucche gialle utilizzate come lanterne nella notte di Halloween (il 95% della produzione annuale locale, che ammonta a circa 10 milioni di zucche).

I coltivatori della zona hanno parlato della peggiore annata dell’ultimo decennio, con la maggior parte delle zucche rovinate dalle piogge e, di conseguenza, lasciate a marcire nei campi dato che non rispecchiano le esigenze dei consumatori che in questi giorni cercano zucche perfette e di ottima consistenza.

Anche negli Stati Uniti, in particolar modo in California, secondo produttore americano di zucche dopo l’Illinois, saranno poche le zucche disponibili sul mercato che potranno soddisfare le esigenze dei consumatori, anche se la causa non sono le piogge ma bensì la siccità. L’eccessiva siccità di questa estate, infatti, ha rallentato la crescita delle zucche che non hanno, nella maggior parte dei casi, raggiunto le dimensioni e la consistenza richieste per l’utilizzo a cui sono destinate nella notte di Halloween.

I coltivatori hanno invitato i consumatori ad acquistare comunque le zucche disponibili sul mercato e soprattutto a evitare gli sprechi alimentari, utilizzando le parti commestibili anche dopo la festa di Halloween per evitare ulteriori sprechi alimentari. Solo lo scorso anno, infatti, 18 mila tonnellate di zucca sono finite tra i rifiuti nei giorni successivi alla ricorrenza.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA RIVISTA

Conferisco il consenso al trattamento dei dati personali