I prodotti agricoli italiani sono sicuri

|
I prodotti agricoli italiani sono tra i più sicuri per la salute dell’uomo. Non contemplano significative soglie di contaminazione da pesticida. Per tale ragione, è possibile affermare che i campioni illegali contenenti dosi di pesticidi e contaminanti dell’ambiente rilevati dalle aziende locali che si occupano del monitoraggio rappresentano una cifra inferiore al 2% e sono concernenti solo ed esclusivamente: prodotti fuori stagione, prodotti importati, prodotti contaminati in via accidentale.La sicurezza dei prodotti agricoli italiani è stato oggetto di discussione anche presso l’Expo. A trattare il tema sono stati il professor Ettore Capri, docente di chimica vegetale e ambientale presso la sede piacentina dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e la dottoressa Graciela Alba Brancato. La Brancato è responsabile del Dipartimento Pesticidi dell’EFSA (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare).I due luminari hanno esposto al pubblico le strategie mediante le quali l’EFSA realizza la sua opera di monitoraggio e salvaguardia della sicurezza alimentare e della salute dell’uomo.L’impiego dei pesticidi viene oggi attentamente normato e controllato altresì dall’Unione Europea e dall’Italia. Occorre sottolineare che il Belpaese vanta una delle più rigide e avanzate normative sul tema. E’ stata poi evidenziata ancora una volta l’importanza di una corretta e approfondita informazione del consumatore che deve essere sensibilizzato e informato dei possibili effetti che pesticidi e contaminanti ambientali possono avere sulla salute.La conclusione del prof Capri è che i prodotti agricoli italiani sono assolutamente sicuri per la salute e non presentano rischi.Dei campioni sottoposti a monitoraggio appena il 2% risulta contaminato e non riguarda mai i prodotti locali e di stagione. L’Italia presenta inoltre uno dei sistemi di regolamentazione più efficaci e rigorosi al mondo per quanto riguarda l'uso dei prodotti fitosanitari.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA RIVISTA

Conferisco il consenso al trattamento dei dati personali