L’irrigazione a goccia per contrastare la siccità causata dai cambiamenti climatici

|

Ogni goccia conta. Lo sappiamo bene noi di Netafim che da anni lavoriamo insieme ad agricoltori di tutto il mondo per ottimizzare l’utilizzo delle risorse idriche, conseguendo le massime rese a fronte del minor dispendio di acqua. Un risultato possibile grazie al metodo di irrigazione a goccia, mirato alle radici della pianta e calibrato sull’effettivo fabbisogno idrico di ogni coltura.

risparmiare acqua nella coltivazione dei prodotti agroalimentari è ancora più importante oggi: i cambiamenti climatici stanno infatti esasperando fenomeni meteorologici estremi come la siccità. D’altra parte, la crescita smisurata della popolazione mondiale richiede risposte concrete all’agricoltura, chiamata a produrre sempre più cibo in un contesto climatico difficile ed a fronte di risorse naturali in continua decrescita.

La siccità che ha travolto i campi in Italia nei mesi estivi, dimezzando i raccolti, è un problema condiviso anche dagli agricoltori d’Oltreoceano. Nello Stato dell’Iowa (USA), stando ai dati diffusi dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, il 2012 è stato l’anno più arido dal 1936.

Il 52% dei terreni agricoli è stato pesantemente danneggiato ed impoverito dall’ondata di siccità. Anche nel vicino stato del Nebraska la siccità si è abbattuta sui campi, ma gli investimenti lungimiranti degli agricoltori in impianti di irrigazione a goccia hanno limitato l’impatto della scarsità idrica sui raccolti. Le perdite si sono attestate sull’8%, mentre in Iowa le rese del mais sono crollate di ben il 40%. Le autorità locali, pertanto, consigliano anche agli agricoltori dell’Iowa di proteggersi dalla siccità e dai cambiamenti climatici, investendo in metodi di irrigazione a risparmio idrico.

In uno Stato come l’Iowa, in cui  il 90% delle terre è destinato all’agricoltura e solo l'1% è coperto di acqua, è una misura necessaria se si vuole preservare l’anima rurale dell’economia territoriale.

Che il contributo dell’irrigazione a goccia per la sicurezza alimentare sia vitale lo testimonia anche il prestigioso riconoscimento ottenuto dallo scienziato israeliano Daniel Hillel. Hillel  si è infatti aggiudicato il World Food Prize per il suo contributo alle moderne tecnologie di microirrigazione.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA RIVISTA

Conferisco il consenso al trattamento dei dati personali