Disponibile on line la lista dei controlli per le imprese agricole

|

È stata resa disponibile on line, per ora solo in via sperimentale, la lista dei controlli che possono essere fatti alle imprese della filiera agricola ed agroalimentare, suddivisi per dimensione e settore di attività delle imprese stesse.

Un lavoro che si è reso necessario per l’attuazione del comma 2 dell’art. 14 del D.L. 5/2012 “Semplificazioni” e che ha coinvolto il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, il Ministero per la pubblica amministrazione e la semplificazione e le Regioni.

Questa operazione di mappatura, classificazione e pubblicazione dei controlli è stata fatta non solo al fine di aiutare gli operatori delle imprese agricole ed agroalimentari ad avere degli strumenti di conoscenza  e dei riferimenti normativi sui controlli a cui potrebbero essere sottoposti, ma anche per gettare le basi per la razionalizzazione, la semplificazione e il coordinamento dei controlli stessi e delle autorità preposte a farli.

La lista dei controlli del Mipaaf - prima Amministrazione centrale a mettere in atto il piano di attuazione della normativa in oggetto - è disponibile, almeno in questa prima fase di sperimentazione, alla home page del sito del Ministero, dove è stato inserito un apposito banner “semplificazione controlli”. Ma non solo: agli operatori del settore è stata data la possibilità di interagire con il Ministero attraverso un indirizzo mail dedicato (semplificazione.controlli@mpaaf.gov.it).

Dopo questa prima fase la lista completa dei controlli sarà disponibile, oltre che sul sito del Mipaaf, anche all’indirizzo www.impresainungiorno.gov.it.

Questo lavoro ha richiesto uno sforzo congiunto da parte di più amministrazioni ed istituzioni, sia quelle interne al Ministero stesso, sia altri organi e nuclei speciali che hanno comunque la responsabilità sui controlli nel settore agricolo ed agroalimentare. Tra questi ci sono l’Ispettorato Centrale della tutela della Qualità e Repressione Frodi dei prodotti agroalimentari, il Comando Carabinieri Politiche Agricole, il Corpo Forestale dello Stato, le Capitanerie di Porto, la Direzione generale per la pesca e l’acquacoltura e l’AGEA.

Il Ministero per la pubblica amministrazione e semplificazione ha riconosciuto il lavoro di catalogazione dei controlli come pienamente coerente con quanto previsto dalle “linee guida in materia di Controlli ai sensi dell’art. 14, comma 5 del decreto legge 9 febbraio 2012, n. 5 convertito in legge 4 aprile 2012, n. 35”, elaborate dallo stesso Dipartimento e sulle quali è stata sancita l’intesa in Conferenza unificata nella riunione del 24 gennaio 2013.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA RIVISTA

Conferisco il consenso al trattamento dei dati personali