Paolo De Castro, nel 2017 la revisione medio termine Pac

|
Buone notizie sono arrivate dall'incontro di Strasburgo tra il commissario europeo all'agricoltura Phil Hogan e Paolo De Castro, coordinatore per il Gruppo dei Socialisti e Democratici della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale dell'Europarlamento: la tanto attesa revisione di medio termine della Politica Agricola Comune (Pac) si farà e dunque sembrano esserci le basi per guardare avanti con ottimismo.L'obiettivo è quello di semplificare in modo netto alcuni passaggi salienti in campo agricolo, obiettivo a portata di mano secondo Paolo De Castro che si è detto particolarmente ottimista per il futuro, sottolineando la disponibilità della Commissione Agricoltura del Parlamento europeo a collaborare in prima persona per snellire alcuni passaggi burocratici che ad oggi rappresentano invece ostacoli piuttosto sgradevoli.E le novità che si attendono con maggiore trepidazione per l'anno che verrà sono tante: in primis una depenalizzazione di alcune infrazioni a fronte di una più equa e ponderata distribuzione delle sanzioni, in secundis uno snellimento radicale di alcune procedure di controllo sull'agricoltore che ad oggi sono invece particolarmente elaborate. Questo non significherà abbassare la guardia e la qualità dei controlli, tutt'altro; starà a significare solo una velocizzazione di alcune pratiche a tutto vantaggio degli agricoltori che potranno ottenere i risultati che si sono prefissi in tempi decisamente più brevi.Insomma il futuro pare essere roseo alla luce di quanto affrontato nell'incontro di Straburgo del 18 gennaio scorso e l'ottimismo trapela anche dalle parole dello stesso coordinatore per il Gruppo dei Socialisti e Democratici della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale dell'Europarlamento che ha annunciato all'ANSA l’idea di un piano di lavoro stimolante che sarà portato avanti con impegno e determinazione da tutti gli enti chiamati in causa. Una azione doverosa nei confronti  di un settore di vitale importanza e strategico come quello dell'agricoltura europea che da tempo necessitava di modifiche in corsa. Modifiche che, a quanto pare, arriveranno nel 2017.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA RIVISTA

Conferisco il consenso al trattamento dei dati personali