Puglia, è emergenza gelo

|

Emergenza neve in Puglia e lo stesso Presidente regionale CIA Puglia Raffaele Carrabba lancia un importante grido di allarme. E' necessario richiedere la calamità naturale per invocare aiuto, di fondamentale importanza per fare fronte a una situazione davvero molto delicata. L'intera regione è in ginocchio a causa del maltempo. Le copiose nevicate degli ultimi giorni, se da una parte hanno regalato quadri bellissimi (neve e mare uniti come in una cartolina), dall'altro hanno distrutto vigneti, ortaggi e agrumi.

 

Non solo perché le temperature in ribasso e le conseguenti gelate hanno anche causato l'isolamento delle masserie; gli agricoltori hanno avuto infatti difficoltà anche a svolgere le loro regolari attività perché per molti giorni sono rimasti senza acqua e senza luce. Le previsioni meteo continuano a non essere favorevoli perché nuove ondate di freddo e di gelo sono previste in tutta la Puglia, regione che fino a qualche decennio fa’ era caratterizzata da temperature di sicuro più miti.  Invece proprio questa è stata la parte di Italia più colpita dalla neve e a risentirne in negativo sono state le coltivazioni.

 

I tecnici della CIA-Agricoltori Italiani in questi giorni stanno analizzando con scrupolo la situazione per valutare con precisione i danni procurati dal maltempo e cercare di stilare un bilancio quanto più minuzioso possibile. E' sicuramente presto per tirare le somme ma quel che già si può affermare è che non è stato un solo reparto ad essere stato colpito pesantemente dalla neve e dal gelo ma l'agricoltura tutta nelle sue più svariate sfaccettature. Nel mirino, soprattutto le colture orticole: il grande freddo non ha consentito lo scioglimento della coltre di ghiaccio che ha dunque impedito a frutta e verdura di crescere. Insomma una situazione davvero delicata che ha messo la Puglia in ginocchio.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA RIVISTA

Conferisco il consenso al trattamento dei dati personali