Quali prospettive per il vino del futuro?

|

Sono sempre di più i paesi che si affacciano al mercato del vino, sia per quanto riguarda l’offerta che la domanda di questo prodotto. Oltre a tutti quei paesi, come ad esempio la Francia, l’Italia e anche la Spagna, da sempre nel novero dei più grandi produttori mondiali, il vino viene prodotto anche in altre zone del mondo, prime tra tutte il Nord Africa e gli Stati Uniti.

Allo stesso modo, anche dalla parte della domanda, sembra che ci siano mercati sempre più ampi dove piazzare il nettare degli dei, ma non tutti gli esperti del settore enologico sono convinti che i paesi emergenti, i cosiddetti Bric (Brasile, Russia, India e Cina) possano davvero essere i mercati del futuro per il vino.

A questa convinzione sono giunti i big del vino, riunitisi negli scorsi giorni a Londra per “Wine Vision”, uno dei maggiori eventi internazionali dedicati al settore dell’enologia. Nonostante, infatti, i paesi emergenti facciano sempre maggiore richiesta di vino, ci sono delle evidenti difficoltà, soprattutto a livello legislativo e burocratico, per dare vita ad un mercato davvero attraente.

Le reali potenzialità di crescita di questo importante settore economico, secondo gli esperti, vanno cercate prima nei mercati tradizionali, tra i quali spiccano Stati Uniti, Canada e Giappone.

Poche le opportunità di crescita del vino a basso contenuto alcolico, prodotto sul quale molti produttori hanno iniziato a puntare in vista di una possibili vendita nei paesi dove il vino non è ancora un prodotto comune, ma dai primi risultati presentati a Wine Vision sembra che l’appeal di questo particolare prodotto sarà molto limitata nel tempo.

Le possibilità di crescita del settore enologico mettono sul campo anche la problematica della sostenibilità della produzione di vino e della sua commercializzazione, ma, anche se la maggior parte dei produttori si è detto sensibile alla questione (il 73% dei produttori intervistati durante il convegno), sono pochi coloro che hanno iniziato già a fare i primi passi in tal senso.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA RIVISTA

Conferisco il consenso al trattamento dei dati personali