Riso, eccellenza del patrimonio enogastronomico italiana

|
La filiera italiana del riso è uno degli assi portanti della tradizione gastronomica italiana in grado di generare ogni anno un fatturato di 1,5 miliardi di euro grazie ad una produzione nazionale che supera il milione di tonnellate di prodotto lavorato. L’Italia inoltre detiene il primato tra i Paesi dell’Unione Europea in quanto a superficie coltivata a riso con il 52% di quella totale (219.000 ettari).Le oltre 4000 aziende italiane dedite a questa coltivazione producono un riso di eccellenza conosciuto in tutto il mondo: il 63% della produzione nazionale è destinato all’esportazione, sia verso i Paesi dell’Unione Europea (52%) sia oltre i suoi confini (11%).Il riso non è solo una commodity – come ha precisato Roberto Magnaghi, presidente dell’Ente nazionale risi – ma un’eccellenza del patrimonio agroalimentare italiano che si distingue da quelli degli altri Paesi, in particolare Myanmar e Cambogia, per le sue connotazioni organolettiche, per la sua storia e la cultura che lo accompagna e, in ultimo, per la sua sicurezza alimentare, frutto di rigide norme applicate a tutta la filiera.Un prodotto di altissima qualità, quindi, e assolutamente Made in Italy che sarà anche protagonista del Padiglione di Federalimentare di Expo 2015. Grazie all’intenso lavoro svolto da Federalimentare, Camere di Commercio e dall’Ente nazionale di tutela, la terrazza del Padiglione ospiterà per tutto il corso dell’Esposizione Universale eventi e iniziative di varia natura volte alla divulgazione della lunga tradizione risicola italiana e alla promozione dei territori vocati a questa coltura.Particolare attenzione sarà data alla ricerca e all’innovazione che hanno permesso all’Italia di primeggiare non solo per la quantità di riso prodotto ma anche per la sua qualità e sicurezza, frutto di una costante lavoro volto al miglioramento dei mezzi di produzione e alla mitigazione dell'impatto ambientale delle pratiche risicole.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA RIVISTA

Conferisco il consenso al trattamento dei dati personali