Sempre più anidride carbonica nell’atmosfera

|

Sempre più anidride carbonica nell'atmosfera: dal 2007 ad oggi, ogni anno, la presenza di gas serra è cresciuta dello 0.5%. A rivelarlo è il satellite Envisat dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa) e quello giapponese GoSat, presentati al simposio 'Living Planet' organizzato a Praga dall'Esa.

Nello specifico, se il gas serra è aumentato dello 0.5%, l'emissione di metano ha fatto registrare una crescita dello 0.3%. Una percentuale minore, è vero, ma certamente un dato da non sottovalutare e che preoccupa sul lungo termine. Soprattutto perché fino al 2007 le emissioni di metano nell'atmosfera erano state costanti; non si capisce dunque quale sia la causa che, negli ultimi nove anni, ha fatto registrare il livello di crescita.

Secondo gli esperti la causa probabilmente potrebbe essere rilevata in un mix di fattori, dall'agricoltura all'uso dei combustibili fossili. Quanto all'aumento dell'anidride carbonica, non è questa una novità: negli ultimi dieci anni i livelli di CO2 sono aumentati costantemente, nonostante gli sforzi fatti fino ad oggi per cercare di ridurre l'inquinamento. Le piante, che assorbono circa il 25% della CO2 emessa dalle attività umane, certamente danno un enorme contributo nel combattere la guerra contro l'inquinamento ma non sono purtroppo sufficienti a risolvere un problema che ha radici molto profonde. Insomma è vero che i livelli di anidride carbonica in atmosfera, senza il lavoro sporco delle piante, sarebbero molto più alti, ma è altrettanto vero che urge trovare una soluzione che affianchi lo sfruttamento dei polmoni verdi per assorbire l'anidride carbonica. Anche perché gli esperti sollevano un altro problema non di poco conto: non sanno cioè come le piante reagiranno ai cambiamenti climatici e come il pianeta depositerà nel suolo la CO2.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA RIVISTA

Conferisco il consenso al trattamento dei dati personali