Stazione Tiburtina, un orto sempre più rigoglioso

|
Si chiama Roma Tiburtina Urban Garden. Ma tutti lo conoscono come l’orto di Tiburtina. Mese dopo mese, dal giorno in cui è stato inaugurato ad oggi, cresce in termini di dimensioni.Attualmente, l’orto della stazione Tibrutina, ha raggiunto circa 600 metri quadrati di estensione con i suoi 'labirinti vegetali' e il canto dei grilli aperti a tutti, viaggiatori e cittadini. Gente di passaggio e lavoratori del plesso.A tutti gli effetti è un modo nuovo di vivere la Stazione e i suoi spazi.Il garden, desiderato dall’ente Grandi Stazioni è circondato da oltre 30 sedute di pallet e cubi contenenti bossi ornamentali ed è stato ideato e creato dall'agenzia Up! strategy to action.Un po’ di storia. La prima parte dell'orto era stata inaugurata a settembre e ha riscosso da subito un enorme successo: novemila persone si sono registrate per avere informazioni o per piantare i semi nelle vasche dedicate. Nessun atto vandalico o furto ha danneggiato il bellissimo giardino della stazione.L'orto è stato realizzato in base ai precetti degli Horti Sallustiani. E' composto da centinaia di piante disposte in dieci labirinti vegetali e circondate da venti vasche pubbliche, in cui ciascun visitatore può seminare e diventare protagonista nella valorizzazione della sua stazione.Il giardino è stato popolato anche da una colonia di grilli canterini che rallegra i passanti con la propria melodia. Numerose sono anche le farfalle. Una presenza resa possibile grazie ai metodi di coltivazione biologici e all'assenza di trattamenti chimici.L’orto è ispirato al celebre Giardino Botanico di Villa Adriana di Tivoli, ritenuto un capolavoro naturale e artistico senza tempo. Di conseguenza è stato concepito come un grande labirinto vegetale ed esperienziale che mette insieme in un percorso unico un orto urbano, un giardino delle meraviglie e un’oasi verde nel cuore della Stazione.Ma quali varietà di piante e fiori si trovano nel garden di Roma Tiburtina? Si tratta di piante accuratamente ricercate e selezionate per questo progetto.La lista è lunga e merita di essere letta: Rosmarinus officinalis, Buxus rotundifolia, Aster, Viola tricolor, Insalata lollo mix, Radicchio di Chioggia, Cavolo verde riccio, Erigeron, Prezzemolo riccio, Insalata quercia mix, Lavandula officinalis, Cavolo nero toscano, Verza viola, Salvia farinacea, Liriope, Ipomoea rubra, Salvia tricolor, Finocchio, Insalata gentilina bionda, Indivia riccia, Timo aureo, Bieta a costa gialla, Bieta a costa rossa, Scarola verde, Settembrino giallo, Sedum telephium, Agapanthus 'Nurthern Star', Helenium 'Sombrero', Lobelia cardinalis 'Black truffle', Achillea millefolium 'Paprika', Heuchera 'can can', Malus 'red sentinel', Caryiopteris spp, Verbena bonariensis, Perovskia atriplicifolia, Gaura, Lewisia, Tanacetum, Verbena banariensis.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA RIVISTA

Conferisco il consenso al trattamento dei dati personali